Gestione del trasporto refrigerato di carni macellate e non: normativa italiana e eccezioni europee

Gestione del trasporto refrigerato di carni macellate e non: normativa italiana e eccezioni europee
Chiedi un preventivo per
Trasporto Alimenti Richiedi un preventivo gratis

Nel panorama contemporaneo del commercio alimentare, il trasporto refrigerato delle carni macellate e non rappresenta un tassello fondamentale per garantire la qualità e sicurezza dei prodotti alimentari. Questo articolo si propone di esplorare in dettaglio le normative italiane ed europee che regolamentano questo settore, mettendo in luce le pratiche migliori per un trasporto efficace e conformi alle direttive vigenti.

Le normative del trasporto refrigerato della carne

normative del trasporto refrigerato della carne, un aspetto cruciale nel commercio alimentare. Iniziando dal 2006, la regolamentazione europea ha introdotto standard significativi in questo settore.

Tra le regolamentazioni chiave ci sono:

  • Il Regolamento (CE) n. 852/2004, che copre il trasporto di tutti gli alimenti.
  • Il Regolamento n. 853/2004, specificamente per gli alimenti di origine animale, che si integra con il Reg. 852/2004.

Nel contesto del trasporto refrigerato, particolare attenzione è rivolta al trasporto delle carni macellate. Gli standard qualitativi e le normative vigenti assicurano che ogni fase del trasporto rispetti criteri rigorosi di temperatura e conservazione. Per approfondire questi aspetti e richiedere una quotazione di traporto, si consiglia di visitare la pagina dedicata trasporto carni macellate refrigerate, che offre informazioni dettagliate e risorse utili. Questa risorsa è essenziale per chiunque sia coinvolto nella catena di fornitura alimentare e desideri assicurare il massimo livello di sicurezza e conformità con le regolamentazioni vigenti in materia di trasporto refrigerato.

Le normative nazionali precedenti, come il DPR 26 marzo 1980, n. 327, pur non essendo formalmente abrogate, sono ora considerate superate dai regolamenti europei. Di conseguenza, l’autorizzazione sanitaria precedentemente richiesta per il trasporto di carne fresca e congelata non è più necessaria.

Un cambiamento significativo è stato l’introduzione della Denuncia di Inizio Attività (DIA). Secondo l’art. 6 del Reg. 852/2004, ogni operatore del settore alimentare deve notificare ogni stabilimento sotto il suo controllo per la registrazione. Ciò rientra in una procedura autocertificativa, enfatizzando la responsabilità dell’operatore nella sicurezza alimentare.

Per quanto riguarda il trasporto delle carni, vengono stabilite specifiche norme di temperatura e condizioni igieniche. Ad esempio, le carni degli ungulati domestici devono raggiungere una temperatura massima di +3°C per le frattaglie e +7°C per le altre carni prima del trasporto. Inoltre, ci sono regole precise per il trasporto di diverse tipologie di carne, inclusa la selvaggina e il pollame.

In termini di documentazione, l’attuale normativa comunitaria ha semplificato le procedure, rimuovendo alcuni requisiti precedenti, ma mantenendo l’importanza della rintracciabilità e della corretta documentazione accompagnatoria.

Infine, sebbene le norme comunitarie offrano una maggiore flessibilità decisionale agli operatori del settore, rimangono delle sfide nell’interpretare e applicare le norme sanzionatorie. Ci sono discussioni in corso per un ulteriore aggiornamento legislativo che potrebbe chiarire ulteriormente queste normative.

Questo articolo serve a fornire una panoramica completa sul trasporto refrigerato della carne, enfatizzando l’importanza di seguire le normative per garantire la sicurezza e l’igiene nel processo di distribuzione alimentare.

Qualche dettaglio in più sulle norme del trasporto di carne macellata o meno, con focus sull’Europa

In questo aggiornamento, affronteremo le linee guida operative riguardanti il trasporto delle carni, in particolare le eccezioni alle norme europee. Pubblicato originariamente sul portale Asaps, dedicato alla sicurezza stradale, l’articolo è stato redatto dal Dott. Rocco Panetta, capo veterinario presso l’ASL Salerno, specializzato nei controlli sui trasporti di prodotti alimentari di origine animale.

Il focus principale è sulle deroghe concesse dal Regolamento (UE) 2017/1981 riguardanti la temperatura durante il trasporto di carni, inclusi bovini, ovini, caprini e suini, dalla macellazione fino alla consegna. Secondo il regolamento, è permesso trasportare le carni a una temperatura massima di +7°C nella parte più interna, misurata nella parte più spessa delle carcasse. Per i trasporti superiori a 6 ore e fino a 60 ore, la temperatura superficiale non deve superare i +4°C per carni bovine, ovine e caprine.

Le condizioni per la deroga includono:

  • La necessità per gli Operatori del Settore Alimentare (OSA), che siano sia gestori del macello sia trasportatori, di ottenere un’autorizzazione specifica dalla ASL competente.
  • L’obbligo di utilizzare veicoli equipaggiati con termometri (data-logger) conformi alla Normativa EN 12830, capaci di registrare e stampare la temperatura durante il trasporto.
  • La possibilità di trasportare carni refrigerate e non refrigerate nello stesso scomparto, purché rispettino determinati limiti di temperatura.
  • La necessità di accompagnare ogni partita di carne con una dichiarazione specifica del gestore del macello, dettagliando la durata della refrigerazione, l’orario di carico e la temperatura superficiale delle carni.
  • La registrazione della data di autorizzazione e il nome dell’autorità ASL che concede la deroga.

Per garantire il rispetto di queste normative, durante i controlli stradali, è richiesta la presenza di un Dirigente Veterinario dell’ASL per verificare i valori di temperatura delle carni, sia in deroga che non, utilizzando termometri calibrati. Queste misure sono essenziali per assicurare la sicurezza e la qualità nel trasporto di carne refrigerata, un settore cruciale per l’industria alimentare.

Qualche tema da approfondire sul trasporto di merce refrigerata

Se vuoi approfondire il discorso sul trasporto di refrigerati, troverai qualche spunto interessante ai seguenti link:

 

 

Scegli uno dei nostri migliori trasportatori!

Richiedi un preventivo gratis per Trasporto Alimenti

INVIA LA TUA RICHIESTA GRATIS
RICEVI PREVENTIVI GRATIS
SCEGLI IL PREVENTIVO MIGLIORE

Lascia un commento