Sarà la tecnologia a evitare gli incidenti stradali causati dai camion?


21 settembre 2017 - Argomento Macingo
L'intelligenza artificiale arriva anche a bordo dei camion per ridurre gli incidenti stradali. Volvo Truck è stato il primo costruttore di tir con frenata di emergenza.

Per Volvo Trucks la risposta è si. E sui tir da qualche anno arrivano i sistemi di sicurezza “anti incidente”.

È del 2015 il provvedimento dell’Unione Europea secondo il quale tutti i tir devono avere un sistema di frenata di emergenza in grado di ridurre la velocità di 10 km/h su tutti i camion a due e tre assi. Questo per cercare di diminuire il numero di incidenti stradali causati dai camion.

 

Ma c’è chi aveva già anticipato queste direttive, installando sui propri veicoli un sistema in grado di frenare completamente il camion da 80 km/h a 0 km/h in circa 40 metri.

 

Stiamo parando di Volvo Trucks!

 

 

Come questa tecnologia può ridurre gli incidenti stradali?

 

Gli incidenti stradali sono spesso causati dalla disattenzione del conducente o dalla difficoltà di frenare tempestivamente davanti a un improvviso ostacolo. Quando i tir sono coinvolti in questi incidenti tutto diventa, ovviamente, ancora più pericoloso a causa della dimensione e del peso del veicolo.

 

Proprio per scampare a questo pericolo la casa produttrice Volvo punta già da qualche anno su sistemi di guida intelligente, per migliorare sempre più la “relazione” tra l’autista e la tecnologia a bordo. L’obiettivo di questi sistemi è quello di avvertire il conducente di un potenziale pericolo, prima di una possibile collisione e attivare il sistema frenante fino alla completa immobilizzazione del camion.

 

Vediamo come è composto e come funziona il sistema frenante di emergenza messo a punto da Volvo Truck…

 

incidenti stradali camion Volvo trucks

 

 

1. Fotocamera e radar

La fotocamera identifica la distanza e il tipo di oggetto davanti al camion. Il radar misura quanto velocemente si muove l’oggetto davanti al camion e a che distanza. Lavorando insieme, radar e fotocamera hanno un margine di errore pari quasi a zero e avvertono il camionista solo quando è necessario.

 

 

2. Fusione dei sensori

La fusione dei precedenti sensori (fotocamera e radar) forniscono un input ad un processore che analizza meglio la situazione. I sensori che lavorano insieme sono fondamentali, poiché aiutano questo processore a distinguere tra veicoli reali e oggetti che non rappresentano una minaccia alla guida.

 

 

Leggi anche Fleet Care: ecco come i camion “si riparano” da soli

 

 

3. Unità di controllo

Tutte le informazioni provenienti dalla fotocamera, dal radar, dal camion e dal comportamento del conducente vengono raccolte nell’unità di controllo. Il software analizza queste informazioni e attiva il sistema di allarme e il sistema di frenatura del camion per evitare la collisione e quindi un incidente.

 

 

4. Sistema di frenatura

Il sistema di frenatura viene attivato quando il conducente non ha reagito alle avvertenze del sistema. Il veicolo inizialmente frena leggermente; avvicinandosi all’ostacolo le ruote si bloccano completamente e le luci dei freni lampeggiano.
Il conducente viene avvertito tramite un segnale luminoso: una luce led rossa inizia a lampeggiare sul parabrezza e se il sistema non rileva alcuna reazione da parte del camionista parte in automatico un sistema di allarme.
Il freno di emergenza viene quindi attivato se il conducente, dopo questi avvertimenti, non agisce.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *