Sole e caldo alla guida: cosa fare quando siamo in auto


31 maggio 2017 - Argomento Macingo
Nei mesi estivi il sole e il caldo possono provocare grossi problemi alla guida. Come evitarli? Qualche consiglio per partire tranquilli per le prossime vacanze!
sole e caldo alla guida consigli

Con l’arrivo dell’estate guidare sotto il sole è sempre un dramma… prendi tutte precauzioni.

La primavera ormai sta per cedere il passo alla stagione più calda. Con l’arrivo di giugno possiamo iniziare a dimenticare le belle giornate tiepide o fresche dei mesi primaverili. Sarà questa un’estate particolarmente calda? Beh, è inutile fare troppe previsioni; anche se non avremo temperature da record dovremmo comunque prepararci ad affrontare il caldo e l’afa che questa stagione ogni anno porta con sé. Se poi, per motivi di lavoro o per necessità, passiamo tanto tempo a bordo della nostra auto, occorre prepararsi a far fronte a sole e caldo alla guida!

 

Come resistere? Ma soprattutto, come evitare che l’auto diventi bollente? Come proteggersi dal sole? Vediamo quali precauzioni prendere quando si viaggia sotto il sole cocente!

 

 

Sole e caldo alla guida: 3 suggerimenti

 

 

1. Utilizza l’aria condizionata… ma con moderazione!

 

Appena entri in auto, che magari è rimasta parcheggiata sotto il sole, non accendere subito l’aria troppo fredda. Troveresti forse un po’ di sollievo dalla temperatura torrida, ma non farà bene né all’auto ma tanto meno a te!
Per prima cosa si devono aprire entrambe le portiere o abbassare i finestrini in modo da far circolare l’aria; questo già dopo pochi secondi farà calare sensibilmente la temperatura.
Dopo aver acceso il motore meglio fai partire solo la ventola e, dopo 2 minuti, aziona il climatizzatore a potenza ridotta, per poi aumentarne gradatamente la potenza fino al livello desiderato. È importante inoltre non posizionare mai le bocchette in direzione del nostro corpo.
Così si eviterà lo stress termico, provocato dall’impatto con una massa di aria ghiacciata, che spesso può provocare malessere anche a distanza di ore.

 

Quando poi stai per arrivare a destinazione, spegni l’aria condizionata con qualche minuto di anticipo. Disattivando il climatizzatore, l’auto rimarrà fresca e stemperandosi gradualmente si eviteranno bruschi sbalzi nel momento in cui dovrai scendere dall’auto.

 

 

Leggi anche Controllo auto: qualche consiglio per la primavera

 

2. Sei fai un lungo viaggio proteggi pelle e occhi

 

Guidare col sole negli occhi e senza lenti protettive, significa prima di tutto mettere a rischio la sicurezza stradale ma anche danneggiare la propria salute.
La vista si affatica anche perché il manto stradale riflette i raggi del sole, provocando ancor più fastidio agli occhi.
Se non sei abituato a portare gli occhiali da sole, quando affronti un viaggio o guidi nelle ore diurne tienili sempre in auto e utilizzali all’occorrenza.

 

Oltre agli occhi, anche la pelle necessita della giusta protezione dai raggi UV. È sbagliato pensare che il sole che prendiamo alla guida non faccia grossi danni alla pelle. E questo vale anche per chi viaggia in una normale vettura, non solo per chi possiede una cabrio.
Sapevi ad esempio che guidare con il gomito fuori dal finestrino nei giorni e nelle ore più calde può provocare grossi danni?
A tutti sarà capitato di scottarsi almeno una volta, ma la continua e ripetuta esposizione al sole potrebbe indurre a un precoce invecchiamento della cute o, nel peggiore dei casi, la predisposizione a tumori cutanei.

Cosa fare quindi? Utilizzare una crema solare, un berretto (soprattutto se si è calvi) e bere acqua. Quando è possibile infine è meglio evitare di viaggiare nelle ore centrali e più calde della giornata (dalle ore 12.00 alle 14.00).
Se in auto con te viaggiano anche dei bambini, non ti dimenticare delle tendine parasole da applicare sui finestrini posteriori.

 

Sole e caldo alla guida sono anche la causa del cosiddetto “colpo di calore”: solitamente inizia con nausea, giramenti di testa e senso di debolezza.

Se sei alla guida e avverti questi sintomi fermati il prima possibile, trova un posto fresco e bevi dell’acqua. Rimettiti in viaggio solo quando ti sei ripreso.

 

 

3. Cerca di fare parcheggi intelligenti

 

Non lasciare per troppo tempo l’auto sotto il sole cocente. Cerca sempre un parcheggio all’ombra: meglio parcheggiare l’auto un po’ più lontana e fare un po’ di metri a piedi, piuttosto che trasformare l’auto in un vero e proprio forno!
Se non è possibile parcheggiare all’ombra, porta sempre con te il parasole da posizionare sul parabrezza.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *