Smartphone alla guida: scatta la sospensione della patente


21 aprile 2017 - Argomento Macingo
Già dalla prima infrazione scatterà la sospensione della patente e anche le multe saranno più alte. Questi i nuovi provvedimenti per chi utilizza lo smartphone alla guida.
smartphone alla guida sospensione patente

Pene più severe per chi utilizza lo smartphone alla guida: già da maggio potrebbero entrare in vigore nuove sanzioni.

Già da qualche tempo si vociferava un cambiamento del Codice della Strada e pare sia arrivato il momento. Si partirà dalle sanzioni per l’utilizzo di smartphone alla guida. Il Governo è pronto a inasprire le leggi già in vigore; si procederà con la sospensione della patente per un periodo compreso tra uno e tre mesi già alla prima infrazione. E non è tutto: le multe saranno più salate (fino a 646 euro) e saranno 5 i punti decurtati dalla patente degli automobilisti che non si staccano dai loro cellulari mentre guidano.

 

 

I dati del fenomeno

 

Secondo il rapporto Dekra sulla sicurezza stradale, tre automobilisti su quattro usano il proprio smartphone alla guida. Questo comportamento ha influito tristemente sull’aumento di circa l’1% delle vittime sulla strada nel 2016. È la distrazione infatti la principale casa di incidenti stradali.

Sono i quarantenni ad essere i più distratti alla guida per via di telefonate, messaggi e social network; circa l’80% degli incidenti gravi deriva dall’uso del cellulare durante i viaggi in auto. In media, i conducenti utilizzano lo smartphone 3,5 minuti all’ora mentre sono alla guida.

Un altro grave campanello di allarme in Italia viene dai selfie alla guida. Secondi i dati della Polizia Stradale nel 2016 questi tipi di infrazione sono aumentate del 30% rispetto all’anno precedente, arrivando a 45.228. E nei primi mesi del 2017 è già stato riscontrato un incremento del 20% rispetto allo stesso periodo del 2016.

 

 Leggi anche : No ai selfie durante la guida

Questo comportamento rappresenta un grave pericolo per chi guida e per chiunque si trovi sulle strade, dato che l’utilizzo dello smartphone distrae completamente dalla strada. Gli studi dimostrano che guardare il telefono per due secondi aumenta il rischio di incidente fino a 24 volte. 
Guidare con uno smartphone tra le mani è pericoloso come guidare da ubriachi.

 

 

A maggio il nuovo decreto con le modifiche al CdS

 

Il Governo è al lavoro per emanare nel più breve tempo possibile – già a maggio – le modifiche al Codice della Strada tramite un decreto, in attesa che riparta l’iter legislativo del nuovo Codice.
Ovviamente la distrazione alla guida non sarà l’unico nodo da rivisitare: previste nuove regole anche per l’evasione assicurativa, la notifica dei verbali di contestazione e la revisione della normativa inerente i trasporti eccezionali.

 

Infine dovrebbero anche essere modificate le norme che regolano la circolazione dei veicoli stranieri, in particolare quelle sulla leggibilità di targhe e contrassegno di immatricolazione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *