Le smart road arrivano anche in Italia. Ma cosa sono?

Le smart road arrivano anche in Italia. Ma cosa sono?
Hai bisogno di un trasporto?
Ci pensiamo noi! Richiedi un preventivo gratis

Lo sviluppo tecnologico a servizio delle infrastrutture stradali: le smart road rivoluzioneranno i trasporti su gomma!

La rivoluzione digitale investe anche le infrastrutture, per un trasporto sempre più smart. Dopo i veicoli a guida autonoma arrivano anche le autostrade connesse e intelligenti. Di cosa si tratta? È un progetto intrapreso da Anas che, partendo da alcune arterie stradali, mira a digitalizzare oltre 2500 chilometri di strade e autostrade, le cosiddette smart road.
Questo per ottimizzare gli spostamenti su gomma, migliorare le condizioni di sicurezza e la gestione del traffico.

 

 

smart road

 

 

Wifi e droni a servizio di automobilisti e camionisti sulle principali arterie autostradali italiane

 

Questa nuova infrastruttura si baserà sull’utilizzo di una serie di droni, ribattezzati «flying poles» (pali volanti), che avranno incorporati dei sensori e offriranno servizi di connessione wi-fi in movimento.
Le smart road saranno costeggiate da una sequenza di pali (come quelli per l’illuminazione) sopra i quali sarà installata una stazione di ricarica da cui i droni possono decollare e iniziare a monitorare la strada.

Grazie ai dati raccolti, il sistema può informare i conducenti, in tempo reale, delle condizioni della strada da percorrere. Messaggi diretti e personalizzati possono essere inviati sullo smartphone di ciascun conducente o al sistema di navigazione di bordo di ciascun veicolo, che a sua volta può restituire il proprio feedback al sistema.

 

 

Leggi anche Autotrasporto innovativo: come la tecnologia trasformerà lo spostamento delle merci

 

 

Cosa faranno i droni?

 

Questi “pali volanti”, collocati a intervalli regolari su tutto il perimetro delle smart road, dispongono di una serie di sensori che saranno in grado di rilevare le principali variabili ambientali: dalle condizioni meteo al tasso di umidità e all’inquinamento atmosferico.
A loro volta i pali fissi alimentano un sistema wifi che consente agli utenti di rimanere sempre connessi a internet mentre sono in movimento. Un pannello informativo a bassa energia visualizza invece altre informazioni utili al guidatore.

Con questi piccoli droni, integrazione dinamica alle nuove smart road, sarà possibile anche operare in situazioni di emergenza. Ad esempio per il monitoraggio di gallerie, viadotti o altre infrastrutture remote; ma anche per portare medicine o altre attrezzature di pronto soccorso ai conducenti, per rilevare incidenti, incendi o inondazioni che si verificano vicino all’autostrada.

 

 

 

 

 

Quali saranno le prime smart road italiane?

 

Il progetto di Anas riguarderà interventi sulla Salerno-Reggio Calabria, ora ribattezzata A2 Autostrada del Mediterraneo, sul Grande Raccordo Anulare di Roma (A90), sull’Autostrada A91 Roma-Fiumicino, sull’itinerario Orte-Mestre della E45 ed E55, sull’Autostrada A19 Palermo-Catania e sulla RA15 Tangenziale di Catania ed altre strade di primaria importanza.

 

 

Scegli uno dei nostri migliori trasportatori!

Richiedi un preventivo gratis

INVIA LA TUA RICHIESTA GRATIS
RICEVI PREVENTIVI GRATIS
SCEGLI IL PREVENTIVO MIGLIORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *