Nuance: l’assistente vocale che trova parcheggio e…


9 giugno 2017 - Argomento Macingo
L'intelligenza artificiale arriva anche a bordo delle nostre auto: con Dragon Drive di Nuance i nostri veicoli risponderanno a tutte le nostre richieste!
nuance dragon drive

Le auto del futuro saranno sempre più intelligenti: parleranno con noi e anticiperanno nostre azioni…

Vi è mai successo di “parlare con la vostra auto”, quasi fosse una persona vera? Beh, sicuramente sì… Capita a tutti! Nei prossimi anni questa diventerà una routine e le nostre vetture saranno anche in grado di rispondere. Ma non è tutto: le automobili del futuro potranno addirittura esaudire ogni nostro desiderio. Lo promette Nuance, multinazionale di Boston specializzata nel riconoscimento vocale per l’automotive e altri settori. L’azienda americana ha presentato durante l’ultimo Auto Forum Europe di Parigi il sistema Dragon Drive, tecnologia ibrida che permette al conducente di gestire il linguaggio naturale per farsi leggere messaggi, effettuare ricerche su Internet, suonare una determinata canzone, inserire destinazioni nel sistema di navigazione, gestire il climatizzatore e molto altro.

 

Vediamo nello specifico come funziona il Dragon Drive di Nuance.

 

 

Il parabrezza intelligente firmato Nuance

 

L’innovativo sistema Dragon Drive sarà adottato in varie forme dai principali costruttori come la BMW, l’Audi, la Toyota, il Gruppo Daimler, la Ford, la GM e il Gruppo Psa, per un totale di 160 milioni di vetture su strada: la piattaforma sarà presente anche sulle Alfa Romeo Giulia e Stelvio.

 

Uno degli obbiettivi principali di questo sistema è la sicurezza alla guida: gesti più comuni, come l’utilizzo dello smartphone, sono la causa principale di distrazione e quindi di incidenti. Il sistema Dragon Drive di Nuance, oltre all’introduzione di intelligenza artificiale e capacità di elaborazione del linguaggio umano, è basato sulla presenza di ben 27 microfoni integrati all’interno dell’auto.
Sarà possibile così ordinare, ad esempio, che si apra la porta del garage, chiedendolo all’assistente vocale integrato nell’auto già a qualche centinaio di metri da casa. Tutto ciò grazie alle mappe integrate dell’azienda Here e al collegamento alla rete e al cloud.

 

 

Leggi anche Car eWallet: arriva l’auto che paga da sola

 

 

Dalle richieste di telefonate… alla ricerca del parcheggio più vicino

 

L’assistente virtuale in auto non è fantascienza: Dragon Drive di Nuance sarà implementata entro il 2022 e sarà in grado di gestire anche le richieste più complesse. Insomma, non solo semplici richieste di chiamate.
Alla nostra auto potremo chiedere di trovarci un parcheggio custodito, che accetti il pagamento in contanti e che abbia la stazione di ricarica. E ancora sarà sempre la nostra automobile a fissare appuntamenti di lavoro e a controllare da remoto i sistemi di smart home (climatizzazione, apertura o chiusura delle porte, attivazione dell’allarme, ecc).

 

 

Insomma, le nostre auto diventeranno dei veri tuttofare! 😉

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *