Come risparmiare e ridurre l’inquinamento alla guida: le 10 regole


26 ottobre 2017 - Argomento Macingo
Assumere uno stile di guida più attento può salvare il pianeta e migliorare le prestazioni della tua auto. Scopri le 10 regole dell'automobilista green!
Come risparmiare e ridurre l’inquinamento alla guida: le 10 regole

Anche il nostro modo di guidare può salvare il pianeta: basta solo seguire qualche semplice regola.

È più attuale che mai, soprattutto in questi giorni, l’argomento inquinamento urbano. I comuni si mobilitano per limitare i livelli di smog con blocchi del traffico. E poi ricomincia a parare anche di veicoli elettrici e dell’impegno di numerose case produttrici di camion e autovetture nel progettare e costruire veicoli a 0 emissioni. Ma allo stato attuale questi veicoli eco-friendly rappresentano una minoranza nel panorama mondiale dei veicoli a quattro ruote. Per questo è necessario assumere uno stile di guida che presti attenzione anche all’ambiente.

Una guida intelligente ed una corretta manutenzione dell’autovettura consentono infatti di ridurre i consumi e le emissioni di CO2 del 10-15 % migliorando, tra l’altro, anche la sicurezza sulla strada.

 

Già negli anni novanta alcuni Paesi europei come Finlandia, Olanda, Svizzera e Germania avevano iniziato indipendente a sviluppare un nuovo stile di guida che potesse permettere di ridurre il consumo di carburante dei veicoli e le emissioni di anidride carbonica (Co2) rispetto ad uno stile di guida tradizionale.
Tra il 2006 e il 2008 la Commissione Europea ha promosso una campagna dal nome ECODRIVEN. Si tratta di un piano per la riduzione delle emissioni inquinanti dei veicoli a motore.
Come raggiungere questo obiettivo? Sia attraverso lo sviluppo tecnologico all’interno di camion e autovetture, sia sensibilizzando gli automobilisti e i camionisti a adottare dei comportamenti “virtuosi”.

 

Ecco quali sono le “10 regole d’oro” per ridurre le emissioni di Co2 con le nostre automobili

 

 

1. Accelera gradualmente

Dopo l’avvio del motore è consigliabile partire subito e lentamente, evitando di portare il motore a regimi di rotazione elevati. Non fare riscaldare il motore a veicolo fermo, né al regime minimo né a regime elevato: in queste condizioni infatti il motore si scalda più lentamente, aumentando consumi, emissioni ed usura degli organi meccanici.

 

 

2. Utilizza il cambio nel modo giusto

Cambia le marce della tua auto senza spingere il motore ad elevati regimi sui rapporti intermedi. Non utilizzare mai le marce basse ad elevati regimi per fare delle accelerazioni brillanti; questo comporta un aumento dei consumi, delle emissioni inquinanti e dell’usura del motore.

 

 

Leggi anche: Come caricare l’auto correttamente e ridurre i consumi

 

 

3. Mantieni una velocità moderata e uniforme

Evita le manovre inutili come i soliti colpi di acceleratore quando si è fermi al semaforo o prima di spegnere il motore. Questo tipo di azioni, infatti, provocano un aumento dei consumi e delle emissioni di Co2.

 

 

4. Guida in modo attento evitando brusche frenate e cambi di marcia inutili

Il consumo di carburante aumenta in maniera esponenziale all’aumentare della velocità. Mantieni quindi una velocità moderata e il più possibile uniforme, evitando frenate e riprese inutili che provocano un incremento del consumo di carburante e delle emissioni.
Anche la corretta distanza tra un veicolo e l’altro può favorire un’andatura regolare del mezzo.

 

 

5. Decelera gradualmente rilasciando il pedale dell’acceleratore e tenendo la marcia innestata

Decelera sempre rilasciando il pedale dell’acceleratore e mantenendo la marcia innestata. Cerca inoltre di evitare il fuori giri per non danneggiare il motore (in questa modalità il motore non consuma combustibile, se dotato del dispositivo “cut-off”).

 

 

6. Spegni il motore quando si può, ma solo a veicolo fermo

Nelle nuove vetture si chiama Start & Stop ed è un sistema che provvede automaticamente all’accensione ed allo spegnimento del motore in caso di sosta.
Ma anche per chi non possiede un’auto con questo sistema è bene spegnere il motore anche per le brevi fermate, come ad esempio davanti a un passaggio a livello o a un semaforo rosso.

 

 

7. Mantieni la pressione di gonfiaggio degli pneumatici entro i valori raccomandati

Anche gli pneumatici influiscono sui consumi. Controlla periodicamente la pressione di gonfiaggio degli pneumatici e ricorda di effettuare sempre il controllo della pressione a gomme fredde.

 

 

Scopri anche l’Urban eTruck: il 2017 è l’anno del primo camion elettrico

 

 

8. Rimuovi il portapacchi quando non ti serve e ottimizza il peso

Togli i portapacchi dal tetto al termine del loro utilizzo. Questi accessori, come altre modifiche della carrozzeria, impattano sull’aerodinamica del veicolo e influiscono negativamente sul consumo di carburante.
Ricorda inoltre di non caricare eccessivamente la tua auto: l’incremento del peso complessivo della vettura va anch’esso ad aumentare i consumi.

 

 

9. Utilizza i dispositivi elettrici solo per il tempo necessario

Il lunotto termico, i proiettori supplementari, i tergicristalli, la ventola dell’impianto di riscaldamento, assorbono una notevole quantità di corrente, provocando di conseguenza un aumento del consumo di carburante. Utilizza questi dispositivi solo quando è necessario.

 

 

10. Limita l’utilizzo del climatizzatore

L’utilizzo del climatizzatore incrementa sensibilmente i consumi, a volte anche del 25%. Perciò, quando la temperatura esterna lo consente, evita di azionarlo e utilizza in alternativa gli aeratori interni.
In autostrada, invece risulta più conveniente utilizzare l’impianto di raffreddamento piuttosto che mantenere i finestrini aperti, poiché influiscono in maniera negativa sull’aerodinamicità del veicolo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *