Donna al volante pericolo costante?

Donna al volante pericolo costante?
Hai bisogno di un trasporto?
Ci pensiamo noi! Richiedi un preventivo gratis

Donna al volante pericolo costante? Un vecchio mito vede donne e motori come due universi opposti. Il mondo dei motori sembra ancora dominato dagli uomini e costellato di pregiudizi.

Secondo statistiche commissionate dalle agenzie di assicurazioni italiane, però, le donne al volante causano il 15% di incidenti stradali in meno rispetto agli uomini; le donne alla guida, inoltre, sono più attente, prudenti e capaci di evitare comportamenti scorretti.

E non è finita qui: un’altra indagine condotta da Motork, azienda digitale che opera nel settore automotive, rivela che nella scelta dell’auto le donne hanno grande competenza: selezionano il miglior rapporto qualità prezzo e analizzano le caratteristiche tecniche dei veicoli.

Donne e motori: l’altro lato della medaglia

Il rapporto fra donne e motori non è quello sconosciuto di cui troppo spesso si parla, scopriamolo più nel dettaglio. Facciamo un viaggio nel tempo e andiamo nel 1888, anno in cui una delle primissime donne, Bertha Benz, ha guidato un’automobile sulla lunga distanza. La Benz è nota anche per aver portato all’attenzione nel mondo la Patent-Motorwagen.

In tema di gare automobilistiche, invece, la pioniera della competizione in rosa F1 è stata Maria Teresa De Filippis, la contessa napoletana che nel 1948, all’età di 22 anni, vinse la sua prima gara a bordo di una Fiat 500. Nella gara di endurance – la 24 Ore di Le Mans, la prima pilota donna è stata Odette Siko che nel 1932 a bordo di un’Alfa si piazzò quarta (prima nella sua categoria). La prima in Italia e in assoluto a correre le Mille Miglia è stata la “baronessa” Maria Antonietta Avanzo Bellan nel 1928. Il suo motto? Donne e auto si completano!

Leggendaria è stata la pilota torinese Ada Pace, che negli anni ’50 e ‘60 dava filo da torcere ai più qualificati piloti dell’epoca. Il suo nome di battaglia era Sayonara, per la sua abitudine di fare il tipico saluto giapponese dopo i sorpassi. Un gesto che gli uomini digerivano male: non riuscivano a credere che una donna potesse vincere senza trucchi.

La donna dei record è stata senz’altro Lella Lombardi, che guidò la sua prima auto a 13 anni ed è stata la prima donna a qualificarsi per un gran premio e a conquistare punti in F1. Degna di nota è anche Anna Andreussi conosciuta per essere la navigatrice di Paolo Andreucci. I due insieme hanno vinto dieci titoli nel Campionato Italiano Rally. Terminiamo in tema di gare, non per ultima, con la giovanissima Tamara Molinaro, nata nel 1997, che ha iniziato a guidare all’età di 11 anni per poi partecipare nel 2013 al 1° Misano World Circuit Rally Event e al 2° Monza Ronde by Vedovati Corse.

Donne al volante: quando l’abilità diventa talento

Non potevamo concludere senza parlare delle stuntwomen. Le conoscete? Sono donne non solo con grandi abilità alla guida, ma con un vero e proprio talento: si esibiscono in acrobazie con macchine e moto. Fanno spettacoli e lavorano nel cinema, spesso sostituiscono, in scene spericolate, le attrici alla guida di auto. Debbie Evans è la stuntwoman più famosa di Hollywood che ha figurato in più di 200 film fra cui: Fast and Furious e Matrix. Desiree Bizzarro, invece, è la prima stuntgirl italiana che conferma che il mondo dei motori non è nato per essere necessariamente maschile!

E voi, siete ancora convinti che una donna al volante sia un pericolo costante?

Scegli uno dei nostri migliori trasportatori!

Richiedi un preventivo gratis

INVIA LA TUA RICHIESTA GRATIS
RICEVI PREVENTIVI GRATIS
SCEGLI IL PREVENTIVO MIGLIORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *