Trasporto moto e scooter: come risparmiare


13 giugno 2016 - Argomento Trasporto moto
Arriva l'estate ed è l'ora di rispolverare moto e scooter. Prima di riutilizzarle però, leggi i nostri consigli per una manutenzione ed un trasporto economici... 
moto e scooter trasporto economico

Per tutti gli amanti di moto e scooter qualche utile suggerimento…

Siamo ormai in primavera inoltrata e tra non molti giorni daremo il benvenuto alla stagione estiva. È il momento quindi di tirare fuori moto e scooter per dare il via ai viaggi e alle gite fuori porta e per muoversi più facilmente per le strade caotiche delle vostre città. Prima di mettervi in strada con la vostra motocicletta, non dimenticate di effettuare un controllo del mezzo e una seria manutenzione.
Vediamo quali sono le principali operazioni da svolgere prima di ricominciare ad utilizzare moto e scooter e come è possibile farlo senza spendere una fortuna.

Iniziamo con un bel lavaggio

Un primo controllo sulla condizione del vostro motorino, può sembrare strano ma potete farlo proprio durante il lavaggio. In questo caso unirete l’utile al dilettevole: farete brillare la vostra moto e allo stesso tempo avrete la possibilità di osservare con attenzione e più da vicino le condizioni delle varie parti della moto, dagli pneumatici alle pastiglie dei freni, dalla marmitta alle varie viti che potrebbero essere allentate. Moto e scooter, tra l’altro, vanno mantenuti sempre puliti non solo per un motivo estetico ma anche e soprattutto per evitare che con la sporcizia si possano corrodere bulloni e ossidare le guarnizioni.
Cominciamo allora il nostro lavaggio sapendo che:

  • bisogna tappare bene con della plastica l’impianto di scarico della nostra moto e tutte le prese d’aria;
  • è importante utilizzare dei detergenti o sgrassatori che non siano troppo aggressivi, col rischio di rovinare le parti più delicate della nostra moto;
  • si può utilizzare, se necessario, anche un pennello per rimuovere meglio la sporcizia;
  • per rimuovere le macchie di catrame si può utilizzare dell’olio di oliva e per quelle di resina dell’alcool;
  • il getto d’acqua, al momento del risciacquo, non deve essere violento;
  • per la pulizia della catena e degli altri organi, è bene utilizzare solo del petrolio bianco;
  • per asciugare le parti verniciate cromate è bene utilizzare una pelle sintetica;
  • per pulire tutte le parti meccaniche e non, si devono utilizzare sempre prodotti di qualità.

Passiamo ora al controllo delle varie parti di moto e scooter

Per un controllo fai da te delle parti meccaniche della vostra motocicletta, c’è bisogno di particolare attenzione e se non si è particolarmente esperti, basta seguire i nostri semplici suggerimenti.

Dischi e freni

Dischi e freni sono la prima cosa da controllare in una moto e forse la più importante. Per un controllo ottimale, è ideale fare il check up dei freni in due fasi: la prima a moto ferma per controllare lo stato delle pastiglie che non devono avere un spessore inferiore ai 2 mm; la seconda invece va effettuata a freni freddi (la moto deve essere ferma almeno da un’ora). A quel punto si scende in strada e si prova a frenare in modo progressivo, prima con il freno l’anteriore e poi con il freno posteriore. Se in questa fase vi accorgete che devi fare forza per una decelerata decisa, c’è qualcosa che non va e la causa potrebbe trovarsi:

  1. nell’olio dei freni
  2. nei dischi (forse rigati)
  3. nella perdita di pressione nei tubi idraulici
  4. nelle pastiglie che possono essersi indurite

Controllate anche lo stato dei tubi flessibili, che non devono avere delle crepe, e il livello del liquido del fluido freni.

Pneumatici

Questo controllo, come gli altri, va fatto non una sola volta all’inizio della “stagione”, ma costantemente. Bisogna sempre assicurarsi che lo stato di usura degli pneumatici non sia troppo avanzato: il battistrada non deve aver raggiunto il limite indicato dalla casa costruttrice; controlla, inoltre, che anche la pressione delle gomme sia quella indicata dalla casa costruttrice e che queste non siano deformate o presentino delle crepe.

Benzina, olio motore e refrigerante

Passiamo ora al controllo di tutti i “liquidi”, partendo dalla benzina. Se la vostra moto è ferma da parecchio tempo, assicuratevi che ci sia benzina nel serbatoio; in caso contrario, se il serbatoio è vuoto, controllate che all’interno non si siano formati dei fori, dovuti spesso alla condensa e alla ruggine.
Date un’occhiata poi al livello dell’olio: se la moto è ferma da più di un anno è bene sostituire il liquido ormai vecchio con quello nuovo; se invece è ferma da meno tempo controllatene il livello e se è troppo basso, assicuratevi di aggiungere olio alla stessa gradazione.
Infine verificate il livello del liquido refrigerante: anche in questo caso se è troppo basso, aggiungete liquido refrigerante a moto e scooter della stessa tipologia o della comune acqua distillata.

Comandi e impianto elettrico

Revisionate tutti i comandi (manubrio, pedali, leve, acceleratore) e nel caso in cui ce ne fosse bisogno, provvedete a lubrificarne i punti di congiunzione o rotazione.
Controllate anche il corretto funzionamento della batteria (e nel caso sia scarica rivolgiti al tuo elettrauto di fiducia), del clacson, degli indicatori di direzione(frecce), e delle luci (abbaglianti e stop).

Per un controllo approfondito di moto e scooter o per la sostituzione di parti del motore vi consigliamo comunque di rivolgervi al vostro meccanico di fiducia.

Come risparmiare sul trasporto?

Abbiamo abbondantemente parlato della manutenzione (ordinaria e straordinaria) per poter iniziare a viaggiare sul tuo motorino nella stagione calda.
E se doveste portare la vostra moto nel luogo delle vostre prossime vacanze o vi state trasferendo e avete bisogno di qualcuno che la porti nella nuova abitazione come potete fare? Beh le risposte in questo caso sono molteplici ma la soluzione migliore scopriremo sarà soltanto una.
Per il trasporto di moto e scooter puoi decidere se:

  • fare tutto da soli (caricando il veicolo su un carrello agganciato alla vostra auto)
  • affidare il trasporto ad un corriere
  • contattare un trasportatore e farvi fare una spedizione dedicata

Insomma, le possibilità per trasportare una moto sono tante. Ma tutte però presentano delle peculiarità da non sottovalutare: per la prima devi obbligatoriamente possedere il carrello, la seconda è più complessa di quanto sembra è l’ultima è la più “costosa”.

Cosa fare allora?

Esiste un modo semplice, sicuro ed economico per trasportare moto e scooter e si chiama Macingo.com!
Stiamo parlando di una piattaforma on line nella quale sono presenti centinaia di trasportatori che, nel momento in cui si inserisce una richiesta per effettuare un trasporto, si ricevono in risposta preventivi con la possibilità per l’utente di scegliere quello più economico. La vostra moto verrà ritirata e consegnata a domicilio…
Non perdete altro tempo! Macingo.com è pronto a stare dalla vostra parte per il trasporto della vostra moto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *