Motori per barche: le novità per il trasporto dopo l’acquisto


31 maggio 2016 - Argomento Trasporto Barche
Qualche utile informazione sulle principali novità in ambito di motori per barche e sui principali modelli in vendita. Leggi anche tutte le notizie relative al trasporto...
motori per barche

Sei curioso di scoprire le novità e le caratteristiche dei nuovi motori per barche? Seguici…

Iniziamo col dire che di novità in merito a motori per barche ce ne sono parecchie ma la più importante rimane una: non sarai più costretto a scegliere soltanto ed esclusivamente il colore del solito due tempi, perché la gamma dei motori per barche si è notevolmente arricchita. Dei vecchi storici due tempi è rimasto soltanto il nome. Questo tipo di motori per barche, che hanno fatto la storia possiamo dire, è sempre più al passo con i tempi e con la stretta regolamentazione in materia di inquinamento e durata della vita media. Di un motore due tempi, quindi, oggi potrai scegliere non solo il colore, come succedeva in passato ma divertirti a scoprire le varie caratteristiche e le varie possibilità che le case di produzione offrono e che fanno avvicinare questi nuovi modelli sempre di più ai più potenti e nuovi  4 tempi in quanto a rumore ed emissioni inquinanti.

Divertiamoci insieme a scoprirne le caratteristiche…

Per quanto riguarda i motori per barche a 2 tempi, questi i modelli scelti da noi:

  • Yamaha HPDI
    A iniezione diretta a 2 tempi, mette il carburante a una pressione di 1.000 PSI per creare una miscela ultra-fine per una combustione completa. Il più grande tra i modelli HPDI è il modello 300-hp, un motore abbastanza potente da essere usato da solo su barche modello offshore di medie dimensioni, invece che i più costosi due motori.
  • Evinrude E-TEC
    Si tratta di fuoribordo a iniezione diretta che non necessitano di una manutenzione programmata nei tre anni successivi all’acquisto, producono emissioni estremamente basse di monossido di carbonio e hanno rapporto potenza / peso più che notevole. Sono un’ottima scelta per quasi tutti i tipi di imbarcazioni, incluse le barche piatte, le bass boat e altre barche per la pesca sportiva costruite prima che fossero disponibili i modelli a 4 tempi.
  • Mercury OptiMax
    A iniezione diretta, continua ad essere uno dei preferiti per gli appassionati di pesca e di sci nautico per via della sua grande economia nella gestione del combustibile. E’ molto popolare tra i proprietari di barche piatte e barche da pesca sportiva per via della sua accelerazione e leggerezza.

Per quanto riguarda i motori 4 tempi possiamo dire che il primo modello propriamente studiato per le imbarcazioni risale al 1896. Migliori dei cugini a 2 tempi in quanto a rumorosità e a combustione del carburante, quindi minore inquinamento, i 4 tempi ritornano sulla scena della nautica sempre più equipaggiati per poter competere con i due tempi da sempre preferiti per leggerezza e prestazioni migliori sulle medie e  piccole imbarcazioni. Una delle novità più importanti, in merito a questi tipi di motori per barche, è l’innovativo sistema di distribuzione del carburante ad iniezione EFI e non più a carburazione.

Questi i modelli scelti da noi:

  • Suzuki
    Suzuki ha aggiornato la sua linea di a 4 tempi per aggiungere il sistema EFI a motori dal DF300 ai modelli 40/50-hp. I Suzuki a 4 tempi sono studiati per una varietà di applicazioni, dalle imbarcazioni da pesca inshore e offshore alle imbarcazioni pontone.
  • Yamaha
    I 4 tempi possono funzionare a 1.000 giri per tutto il giorno senza problemi, hanno una migliore gestione del carburante, operano virtualmente in silenzio e producono un livello minore di emissioni, un grosso vantaggio quando si pesca controvento. Gli appassionati di pesca in acqua salata usano il 4 tempi Yamaha fino a 250 hp. I pescatori che utilizzano imbarcazioni più piccole apprezzano un’altra innovazione chiamata Variable Trolling Speed (VTS) che permette ai modelli a 4 tempi da 50- a 90 hp di regolare la loro velocità secondo incrementi di 50 giri. Il VTS permette di gestire le battute di pesca con migliore precisione, che vogliate mantenere la barca ferma nel punto nel quale il vento è più favorevole, o seguire lentamente una traiettoria.
  • Honda
    Adotta il sistema EFI per modelli sopra 90 hp e utilizza V-TEC, un’innovazione tratta dal mondo della Formula Uno. Questo sistema cambia la fasatura a 4.500 giri, il che permette alle valvole di rimanere aperte più a lungo facendo entrare più carburante nella camera di combustione, il modo che il motore offra buone performance quando c’è poco carburante e ottime performance quando il livello è al massimo. Questi motori Honda sono perfetti per chi vuole andare a tutta velocità e per coprire più zone di pesca.
  • Mercury
    Usando un supercharger, i fuoribordo Verado hanno un’accelerazione a ogni range di giri e questa è una buona notizia per chi ha usa grandi barche da pesca in acqua salata, la popolarità delle quali è cresciuta molto negli ultimi tempi.
I motori entrofuoribordo

Questi motori per barche, vengono spesso etichettati come i motori per i più esperti. Recenti innovazioni tecnologiche hanno fatto in modo di rendere l’uso e la maneggevolezza di questi modelli facili anche ai meno esperti. Tra le serie più importanti:

  • Volvo – Penta 

La serie Ocean di Volvo-Penta utilizza tecnologie e accorgimenti in grado di avere una maggiore resistenza agli urti e alla corrosione e quindi può lavorare anche in acqua salata; questo grazie alla sua innovativa carcassa realizzata con un composto in vinilestere che, al contrario del tradizionale alluminio, non si corrode se utilizzato in mare. Inoltre per la chiusura e l’unione delle diverse componenti non vengono utilizzati i bulloni, con i quali il rischio di infiltrazioni di acqua è maggiore, ma una speciale resina che sigilla e non si logora. Grazie a questi speciali materiali il peso complessivo del motore è inferiore del 20% rispetto a un modello convenzionale e possiede un minor numero di componenti che rendono il prezzo più accessibile.

  • MerCruiser

La MerCruiser ha creato dei modelli con un design semplice che ne facilita l’utilizzo e grazie a una nuova tecnologia (turn-key-starting “TKS”) permettere a carburatori economici una partenza a freddo semplice. I test dimostrano che il nuovo sistema riduce sia il rumore che le vibrazioni del 70-85% rispetto ai modelli precedenti e rende molto più semplici operazioni come attraccare e fare manovra vicino al molo.

 

Se sei un appassionato di imbarcazioni e motori per barche saprai senz’altro che per spostare una barca, di qualsiasi stazza, puoi usare diverse modalità di trasporto che si adattino ai vari modelli di barche.

Sapevi però che oggi le barche possono viaggiare anche su internet? Proprio così…

Il trasporto di natanti e di motori per barche oggi si è evoluto e grazie ai nuovi supporti tecnologici è possibile trovare un trasporto sicuro anche in rete.

Sei interessato a scoprire come fare? È davvero molto semplice: comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone vai su Macingo.com, e nella sezione dedicata alle barche, inserisci una richiesta di trasporto, specificando il modello di imbarcazione, le date e i luoghi di ritiro e consegna. In breve tempo riceverai preventivi dai più esperti e affidabili trasportatori che sapranno come effettuare in sicurezza la spedizione della tua barca.

Con Macingo.com… Navighi sempre in acque tranquille! 😉

Leggi cosa dicono di noi sul trasporto barche i professionisti del settore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *