Angoli ciechi del camion: arriva una nuova soluzione


30 gennaio 2017 - Argomento Macingo
Pare che gli specchietti retrovisori siano pronti per la pensione. Arrivano nuovi dispositivi per la visione degli angoli ciechi del camion!
angoli ciechi del camion: nuova tecnologia cornereye

Quando si è a bordo del proprio mezzo bisognerebbe avere 10 occhi per controllare gli angoli ciechi del camion. Ma dove non può arrivare l’uomo arriva la tecnologia!

Tenere sott’occhio un bisonte da 3 tonnellate e mezzo non è proprio un gioco da ragazzi. Tranquilli, non ci riferiamo a nessun tipo di animale selvatico o da circo. Stiamo parlando del nostro camion che, data la sua mole, è tra i mezzi di trasporto più difficili da controllare. Le sue dimensioni e la sua forma non permettono una visuale ottimale; anche con l’ausilio degli specchietti retrovisori ci sono delle parti lungo il perimetro del mezzo che non si possono monitorare. Sono i cosiddetti angoli ciechi del camion, porzioni del tir che, in determinate posizioni e per via di alcune manovre, i nostri occhi non sono in grado di controllare.

 

Questo purtroppo diventa spesso la causa di gravi incidenti, che interessano maggiormente pedoni, ciclisti e motociclisti che si trovano vicini a un camion in movimento.

 

Negli anni alcune precise direttive europee hanno reso obbligatoria l’installazione dei cosiddetti “dispositivi per la visione indiretta del mezzo” sui veicoli per il trasporto merci oltre le 3,5 tonnellate. Fino ad ora l’utilizzo principale di questi dispositivi è quello degli specchi retrovisori, che però non riescono a controllare tutti i campi visivi.

 

I campi visivi sono classificati in diverse categorie. Quelle comunemente più difficili da controllare sono quelli delle categorie V e VI. La prima riguarda gli angoli ciechi direttamente dietro e sotto la portiera a lato del passeggero; l’altra è l’angolo cieco davanti al veicolo.

 

 

Dagli specchietti retrovisori al “CornerEye”

 

 

In Olanda la società Orlaco ha progettato e costruito un nuovo sistema di visione indiretta del mezzo, che permette al camionista di avere una visione completa di tutti gli angoli ciechi del camion.
Si chiama CornerEye ed è un kit composto da telecamera con obiettivo quadrangolare e monitor ad alta definizione da 10 pollici.

 

La telecamera viene montata sul lato anteriore destro della cabina in modo da assicurare un campo visivo di 270°; lo schermo da 10,1 pollici è installato nella cabina sul lato passeggero. Questo sistema consente di vedere in tempo reale quello che avviene all’esterno, nei pressi del camion; il conducente ha così una visuale migliore rispetto a quella offerta dai soli specchietti.

 

L’azienda Orlaco – per questo particolare e innovativo sistema di abbattimento degli angoli ciechi del camion – ha ottenuto l’omologazione R46, norma per i dispositivi per la visione indiretta e la loro installazione.

 

 

È forse arrivato il momento di dire addio ai “vecchi” specchietti retrovisori?!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *