Recensione Mercedes Vito: prestazioni ed equipaggiamenti di uno dei van più amati!


28 marzo 2017 - Argomento Recensioni
Da oltre 20 anni è il veicolo commerciale più amato dagli operatori del settore. Scopri tutte le caratteristiche tecniche di Mercedes Vito: motori, consumi, accessori e capacità di carico del van della casa stellata.
mercedes vito recensioni

Nato nel 1996 torna nel 2005 e nel 2014 con due nuove rivisitazioni. Il Mercedes Vito non tramonta mai ed è tra i veicoli commerciali più acquistati.

Il furgone della casa tedesca, dopo oltre 20 anni di carriera, è tra i veicoli commerciali più efficienti e consigliato da quasi tutte le aziende di trasporto. Il Mercedes Vito nasce infatti nel 1996 e il suo grande successo porta la casa costruttrice a rivisitarlo lanciando una nuova versione nel 2005 e un’altra nel 2014. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche principali di Mercedes Vito.

 

Prenderemo in esame l’ultima versione del veicolo commerciale della casa stellata, quella del 2014. Ecco una breve recensione del Mercedes Vito.

 

MODELLI

 

In funzione del fabbisogno di spazio, il Vito è disponibile nelle tre versioni di lunghezza: Compact (di serie), Long ed Extra-long. Il primo è lungo circa 4,89 m, la versione Long circa 5,14 m e quella Extra-long circa 5,37 m. La Mercedes ha inserito nei nuovi modelli di Vito la trazione anteriore, posteriore e integrale 4ETS, con due varianti di passo (3,2 e 3,43 metri). Il design ovviamente è stato rivisitato rispetto ai primi modelli e il van della casa stellata si presenta con linee più morbide e meno “spigolose”.

 

 

INTERNI E ACCESSORI

 

Già a partire dall’allestimento si può apprezzare un ottimo livello di insonorizzazione che secondo le misurazioni effettuate da Mercedes ha permesso di dimezzare la rumorosità interna del Vito.
Il senso di robustezza e qualità vera si apprezza anche nel resto delle finiture interne e nei comandi di bordo. Come le più grandi e le migliori berline che si rispettino anche i sistemi di sicurezza attiva e gli ausili alla guida sono il top di gamma: nella dotazione di serie sono inclusi l’Attention Assist, il monitoraggio della pressione pneumatici, il sistema di allerta per l’abbandono involontario della corsia e il Collision Prevention Assist, che provvede a far frenare automaticamente il veicolo quando ci si avvicina troppo ad un ostacolo o ad un’altra vettura.

 

Opzionali invece il Blind Spot Assist, i sensori di parcheggio posteriori e il sistema antisbandamento, l’accensione automatica delle luci, il sensore pioggia e i retrovisori esterni regolabili, ripiegabili e riscaldabili elettricamente.

Per chi decide di installare il gancio di traino, vi è anche l’opzione della telecamera di retromarcia assistita che, con uno zoom sul gancio e le linee tracciate sul display di bordo, aiuta il conducente a effettuare le manovre anche senza l’aiuto di una seconda persona.

 

Degna di nota in questo veicolo è la buona visibilità, fattore di sicurezza fondamentale per un veicolo commerciale. Altrettanto tipici sono i grandi retrovisori esterni dal campo visivo straordinariamente ampio. Entrambi i retrovisori sono dotati di un campo grandangolare supplementare, un supporto importante nei cambi di corsia e nelle manovre.

 

mercedes vito recensione interni

 

 

Leggi anche Recensione Nissan NV300: un vero “campione” del trasporto!

 

 

MOTORI E CONSUMI

 

I modelli a trazione anteriore propongono il nuovo 4 cilindri diesel di 1.6 litri OM 622 da 88 CV e 230 Nm di coppia (Vito 109 CDI) e 114 CV e 270 Nm (Vito 111 CDI), mentre quelli a trazione posteriore sfruttano il noto 2.100 diesel OM 651 nelle versioni da 136 CV e 330 Nm (Vito 114 CDI), 163 CV e 380 Nm (Vito 116 CDI) e 190 CV e 440 Nm (Vito 119 BlueTEC).
Quest’ultimo, già omologato Euro 6, è proposto di serie con cambio automatico 7G-Tronic Plus, opzionale per le altre varianti del 2.1, ed è anche l’unico abbinato alla trazione integrale.

 

Mercedes Vito 116 CDI, con il pacchetto opzionale BlueEFFICIENCY, secondo la casa costruttrice è uno dei veicoli più efficienti a livello di consumi, arrivando a 5,7 l/100 km, mentre la versione da 190 CV è, ovviamente la più brillante a livello di prestazioni, con soli 9 secondi nell’accelerazione da 0-100 km/h e una punta massima di 206 km/h. Tra le particolarità tecniche, oltre al nuovo sterzo elettromeccanico e alle sospensioni riviste, è da segnalare l’adozione di serie dell’Adaptive Esp.

 

CAPACITÀ DI CARICO

 

La capacità di carico del nuovo Mercedes Vito non è cambiata dalla prima versione, anzi a dir la verità, è leggermente aumentata. La sua specialità infatti è proprio la straordinaria capacità di carico. E quando gli altri hanno esaurito lo spazio, lui ne ha ancora in abbondanza: con una lunghezza massima del vano di carico di 3.061 mm e una capacità di carico massima di 6,6 m cubi, il Mercedes Vito trasporta un massimo di 1.010 kg, e con il peso maggiorato a 3,2 t di p.t.t. addirittura 1.380 kg (con trazione posteriore).

Ma oltre che per la sua capacità questo furgone brilla anche per praticità: le ampie aperture e il bordo di carico basso lo rendono straordinariamente pratico da caricare. Con la porta scorrevole sinistra a richiesta, le aperture disponibili diventano tre, e ciò permette ad esempio di caricare anche tre europallet.

Le guide per l’ancoraggio del carico sul pianale del vano di carico e le guide di fissaggio sulla fiancata offrono possibilità di fissaggio flessibili e sicure.

 

mercedes vito recensione carico

 

 

 

 

Riepilogo
Data recensione
Prodotto
Mercedes Vito
Voto
51star1star1star1star1star

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *