Venerdì 17: gli italiani alla guida non sono così scaramantici


17 febbraio 2017 - Argomento Macingo
Da una recente indagine è emerso che non tutti gli italiani, quando guidano, sono così scaramantici. Il venerdì 17 non fa più così paura. Resiste ancora la fobie per il gatto nero...
venerdì 17 scaramanzie alla guida

Amuleti, scaramanzie, portafortuna… Ma non tutti gli automobilisti “temono” il venerdì 17!

Potrebbe sembrare strano, ma da un sondaggio condotto da Facile.it solo il 44% degli italiani sarebbe superstizioso alla guida. Strano perché da sempre gli italiani sono stati un po’ scaramantici, eppure sembrerebbe che certe credenze, in alcuni, stanno svanendo. Come ad esempio le paure legate al venerdì 17; molti in questa data evitano di fare attività importanti. Alcuni addirittura non si mettono nemmeno alla guida della propria auto né affrontano un viaggio in aereo.

 

Ma lasciato da parte il restante 56 %, che afferma di non credere a certe cose, come si comportano invece i più scaramantici?

 

 

Venerdì 17, gatti neri e amuleti

 

Tra questo 44% di automobilisti italiani, alcuni dicono di essere eptacaidecafobici (parola quasi impossibile da pronunciare ma che letteralmente significa paurosi del diciassette). Alcuni ammettono che, se a fine percorso il contachilometri segna un numero che finisce con 17 fanno qualche altro metro per arrivare al 18; altri, quelli ancor più scaramantici, se è venerdì 17 semplicemente non guidano e lasciano la macchina in garage fino al giorno dopo.

 

 

E non solo…

Fra i superstiziosi, il gruppo più nutrito è quello che identifica nel gatto nero un presagio di sfortuna: il 17% degli intervistati, cioè quasi un automobilista su sei, se si vede attraversare la strada dal piccolo felino si ferma e accosta in attesa che passi qualcun altro o, per essere più sicuri, decide di invertire la marcia e scegliere un altro percorso.

 

È inferiore invece – circa il 7,2% – la percentuale di automobilisti che dichiara di tenere in auto un amuleto; circa il tipo di portafortuna, però, la fantasia spazia: dal classico cornetto rosso, al quadrifoglio, al ferro di cavallo. C’è poi chi utilizza come portafortuna un oggetto coi colori della propria squadra del cuore.

 

Quest’anno di venerdì 17 ne avremo addirittura tre.

I prossimi?! A marzo e a novembre...

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *