Acquisto moto usate: 5 consigli per scegliere quella giusta!


23 marzo 2017 - Argomento Macingo
Acquistare una moto usata potrebbe comportare dei rischi... Le brutte sorprese sono sempre in agguato. Ecco qualche consiglio su cosa controllare e come comportarsi prima dell'acquisto.
acquisto moto usate 5 consigli

Sei alla ricerca di una moto usata? Per evitare di sbagliare scopri come procedere all’acquisto nel modo giusto!

Con la fine dell’inverno si risveglia la passione per le due ruote e sono in tanti quelli che iniziano a sfogliare riviste e scovare tra tutti i siti di annunci di veicoli usati la moto che possa accompagnarci nelle giornate primaverili ed estive. Ma non ci si può avventurare in un acquisto moto usate senza prima essere a conoscenza di quale trucco: si sa, le “fregature” sono sempre dietro l’angolo, quindi conviene avere a portata di mano una lista di controlli da effettuare quando si valuta un usato.
Anche se acquistare una moto usata è più facile che scegliere un’automobile, in quanto le due ruote percorrono meno chilometri, spesso sono conservate in box e non all’aperto e vengono maggiormente “coccolate” dai proprietari, è necessario comunque prestare molta attenzione prima di concludere un accordo.

 

Ecco allora 5 consigli utili per non sbagliare il tuo acquisto moto usate.

 

 

1 – Niente fretta: evita di prendere la prima moto che ti piace…

… Ma fai una ricerca accurata. Il mercato dell’usato offre grandi possibilità d’affari, ma una “buona” moto usata non si trova in pochi giorni (tranne in casi rarissimi).
Se hai letto un annuncio e la moto presentata sembra un affare, prima di partire per andarla a vedere forse è fare una telefonata al venditore per qualche domanda. Questo ti servirà a capire anche se chi vuole vendere la moto ti trasmette fiducia, oltre a verificare la sua competenza meccanica.
Durante la telefonata potresti chiedere: da quanto tempo è in possesso di questa moto; quanti proprietari ha avuto; perché vuole venderla; se ha subito incidenti; informarti sulle condizioni generali di motore, carrozzeria e gomme; non dimenticarti di chiedere se l’ultima revisione è in regola e se è disponibile il libretto dei tagliandi. Infine chiedi se ti consentirà di provarla su strada.

 

 

2 – Prendi un appuntamento col venditore e vai a vedere la moto di persona

 

Ma è meglio effettuare un acquisto moto usate da un privato o da un concessionario? Dipende. È bene ricordarsi però che un concessionario è obbligato a darti una garanzia sulla moto che ti sta vendendo, quindi è possibile che il prezzo sia più elevato.
In qualsiasi situazione tu ti trovi, comunque, non rinunciare a prendere un appuntamento per poterla controllare nei particolari e conoscere di persona il venditore. Spesso e volentieri l’atteggiamento del proprietario e la sua sincerità dicono molto più della sola ispezione visiva.

 

 

3 – Porta anche un amico (esperto) e controlla con cura la moto

 

Se sei alle prime armi farsi accompagnare da un esperto per la prima verifica della moto è sempre cosa buona. Un motociclista con esperienza sa già dove puntare lo sguardo alla ricerca di eventuali imperfezioni.
E poi potrebbe esserti di grande aiuto anche nella fase di negoziazione, essendo anche più preparato sui prezzi medi dell’usato.

 

Ecco quali sono le parti principali da controllare:

  1. Controlla la carrozzeria in particolare la verniciatura, che non presenti segni che possono far pensare a riparazioni.
  2. Controlla lo stato delle gomme: il loro consumo è indicativo del tipo di guida e quindi di utilizzo da parte del proprietario; se usurate potresti richiedere uno sconto ulteriore sul prezzo di vendita.
  3. Controlla per bene in particolare la zona del cannotto di sterzo ed i relativi fine corsa, se vi sono segni di possibili urti frontali o possibili parti riverniciate, o screpolature della vernice che potrebbero nascondere delle incrinature del telaio.
  4. Controlla lo stato di usura dei dischi e le condizioni dei tubi freni: in questi ultimi non dovranno esserci crepe o screpolature.
  5. Verifica che non ci siano trafilaggi d’olio e che le carene siano intatte e non scolorite.
  6. Chiedi infine al proprietario di farti prendere visione di tutta la documentazione, cronologia tagliandi e storia della moto.

 

4 – Fai una prova su strada

 

Dopo una verifica visiva arriva il momento di fare una prova su strada. Se il proprietario non si oppone fai un giro in moto (se hai portato con te un amico esperto fai fare a lui un giretto di verifica) per: sentire come gira, come affondano le sospensioni, il gas come gira e che performance hanno i freni.
Controlla le carene, le pedane, le leve cambio e freno posteriore, il serbatoio, i carter e le parti esterne del manubrio per capire se la moto è scivolata.

 

 

5 – È arrivato il momento delle trattative

 

Quando si sta per concludere un acquisto moto usate, se la trattativa avviene fra privati (ma anche con i concessionari), l’acquirente e il venditore giocano quasi sempre ad armi pari. Chi vende vuole guadagnare e chi compra vuole concludere l’affare ad un prezzo giusto!
Cerca di essere “trasparente”: se fai un accordo per un tipo di pagamento e poi cambi idea o non riesci mantenere quella promessa, potrai dire addio alla tua nuova moto.

E poi ricorda: se ad esempio un venditore mette la sua moto a 3.000 euro “trattabili”, non ti accanire con ribassi esagerati. Potresti solo fargli perdere la pazienza e offenderesti l’intelligenza della persona con cui stai trattando.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *